cuore di luce

Incontro ricollegato

Le ombre del passato servono ad illuminare il presente.
Ogni contatto genera riflessione e attenzione, genera disturbo, quiete o distacco.
Il cuore e la mente sono rivolti a questi passaggi che l’anima riconosce per prima, questi contengono a sua volta i precedenti passaggi.
Nella riproposizione si mette in moto un meccanismo che non distoglie ma che osserva e “sente”, un meccanismo che “avverte”, che “percepisce”.
E’ una sorta di “incontro ricollegato”, un filo che si ricongiunge con la natura e con il principio e l’armonia di essa.
Lasciarsi fluttuare, lasciarsi trasportare senza che tutto ciò incida nella vita terrena.
Il riconoscimento c’è già stato in altri livelli, va accettato questo, adesso occorre viverlo consapevoli di ciò, con quella leggerezza che l’anima chiede e pretende.
In questo modo la lezione legata al contatto prende forma e rimane immutata nel tempo.
Con Amore,
J.
19 ottobre 2010

I Commenti sono chiusi