cuore di luce

L’anima e il corpo

L’anima è universale, nella sua interezza è portatrice di conoscenza e di sapere universale. L’anima appartiene al Padre e alla Madre, ed è figlia dell’Uno.
Ogni individuo ne raccoglie un frammento, e con questo ci costruisce la propria vita.
Ma l’anima non appartiene all’uomo, non appartiene all’individuo, è libera, non ha vincoli, l’unico sentiero che deve percorrere è quello di riunione con il Tutto.
In questo piccolo frammento sono racchiusi però le linee tracciate dalle interazioni con altri individui, dalle esperienze passate che la rendono unica ed inaccessibile.
All’interno di ogni individuo esiste quindi un frammento del Tutto, intendendo tante altre piccole scintille divine presenti in altre persone, animali, piante e minerali.
Questo perché la Madre Terra è dispensatrice di tutto questo.
Il corpo subisce l’anima, ne è direttamente collegato, quasi succube se non riesce a capire tramite la ragione dove deve andare.
La potenza dell’anima sta nell’essere sublime, eterea, infinita, celestiale.
La riunione con le altre parti frammentate è indispensabile, senza questa non c’è percorso, non c’è conoscenza, non c’è interezza.
Occorre però che la consapevolezza sia estremamente aperta ad accettare tutte le molteplici combinazioni che ci vengono offerte e che possiamo utilizzare.
Senza riunione consapevole od inconsapevole non si realizza l’unione dei frammenti.
Non ci deve essere separazione ma solo unione e riunione .
Questa è l’unica strada percorribile per l’Uno.
Proprio per questo fine ultimo è indispensabile utilizzare qualsiasi mezzo spirituale, ognuno troverà il suo, quello che è più vicino alla sua sensibilità. Ognuno di voi ha il proprio. Il fine è l’interezza, la piena e consapevole unione per la destinazione ultima.
L’utilizzo delle energie è potente, utilizzare la scia dell’energia cosmica universale è determinante e duratura.
Essa è una forza che trae il suo potere dall’Uno e quindi rappresenta l’Assoluto.
Indirizzate e gestite secondo le regole spirituali, è un potente mezzo di alterazione della coscienza in tutte le persone, è quindi indispensabile intervenire laddove ce ne è necessità, laddove c’è alterazione e bisogno.
Lasciandovi coinvolgere dalla scia luminosa dell’energia cosmica si arriva a comprendere la dimensione del cuore che permette di recuperare quello equilibrio nascosto ma sempre presente.
L’eventualità di un errore è ridotta, occorre essere presenti e coscienti di tutte le azioni messe in atto e chiedersi dove sta andando il cuore, poi agire di conseguenza.
L’importanza del gruppo è determinante, indispensabile per arrivare là dove il singolo individuo non arriva. La comprensione del Tutto da parte del gruppo è più elevata del singolo. Occorre umiltà e condivisione e la realizzazione con l’Uno sarà totale.
Il cammino è lungo e peregrinoso ma ciò non toglie quel pizzico di profonda allineazione con l’Universo in senso tale.

I Commenti sono chiusi