cuore di luce

La completezza dell’Essere

L’illusione porta l’uomo a vedere e a percepire una realtà distorta e abbozzata. La pienezza o completezza dell’Essere è data dal vissuto, dalle sue esperienze passate e attuali.
L’uomo nel corso dell’eternità ha accumulato sapienza che però deve sfruttare e attivare, non deve essere lasciata da una parte, inoperosa.
Le informazioni che vi arrivano devono essere accettate e questo nulla toglie alla volontà propria dell’uomo, al suo libero arbitrio.
La completezza si raggiunge dopo l’accettazione del Sé. E’ una costante variabile di gran lunga superiore a tutto. L’immagine del cammino verso la completezza è un piccolo fiume, man mano che scorre, questo si alimenta della pioggia, dei suoi affluenti; quindi dal Cielo e dai rapporti con gli altri, e percorre a volte gioioso il suo cammino, a volte ci sono le rapide, le cascate, ma tutti arrivano al mare, alla grande distesa di acqua che li accoglie maternamente. C’è però il pericolo che il fiume si secchi e quindi questo fiume non arriverà mai al mare.
Il nostro cammino è proseguire la via, e come l’acqua, lasciarsi trasportare quietamente dalla corrente che anche contro la nostra volontà, scorre comunque senza sosta, non si ferma mai.
Dove c’è un ostacolo, se noi ci arrendiamo alla corrente, l’acqua cambierà il suo tragitto ma non il suo fine che è quello di scorrere e di raggiungere il mare.
Tutto arriva, dipende da voi come e in che maniera ci volete arrivare.
Percepito tutto questo ed attuato nella vita, il cammino verso la completezza dell’Essere diventa accettabile e più facile.
L’accettazione comporta lasciarsi andare dai flussi della corrente, la completezza invece comporta essersi arresi definitivamente per permettere al mare di accettarci e di fluire dentro ad esso.
Lì dentro c’è la vera Essenza, il vero equilibrio, la vera Pace sublime.
Nella completezza anche l’incompleto si realizza e trova la sua parte mancante, ciò che ha avuto sempre dentro di se, ma che non sentiva e che non voleva sentire.
La dualità diventa Uno e produce l’assonanza e l’armonia dell’Essere. Quando si arriva a tale stadio, la Luce permea l’uomo e la fa risplendere di luce propria.
Acqua, terra, fuoco, aria e divino.
Questi sono i componenti necessari per la sua realizzazione. L’alchimia chimica ne è un esempio lampante. Gli stadi sono quelli e attivandoli si produce una reazione a catena in grado di sprigionare tutte le emozioni e i sentimenti dell’uomo.

I Commenti sono chiusi